ICMCI
logocmc-accred-qualific2
Privacy Policy
Drawer frontale vademecum
VADEMECUM LEGGE 4/2013
Meta - La rivista dei consulenti
RIVISTA CONSULENTI
 
     
ritorna alla newsletter ok
Giovedì, 21 Settembre 2017
Dalla Comunità di Pratiche “Professionisti dello sviluppo organizzativo e della valutazione delle performance delle PPAA” Seminario app...
ritorna alla newsletter ok
Giovedì, 21 Settembre 2017
L’attività delle Delegazioni è la linfa vitale per la diffusione della conoscenza delle nostre pratiche professionali e per lo sviluppo...
ritorna alla newsletter ok
Giovedì, 21 Settembre 2017
CMC-Global (ICMCI) ha avviato dal 2011 il Constantinus International Award al fine di promuovere l'eccellenza nei servizi di Consulenza di M...
ritorna alla newsletter ok
Giovedì, 21 Settembre 2017
Il Presidente, il Consiglio Direttivo e i Coordinatori di Delegazione si congratulano con Toni Brunello – CMC per la sua nomina a Socio Em...
ritorna alla newsletter ok
Giovedì, 21 Settembre 2017
Desidero annunciare che il nostro Istituto è stato scelto dal Board of Directors di ICMCI, l’International Council of Management Consulta...
 
risorse per gli associati
RISORSE CONSULENTI
Notizie in primo piano
TUTTE LE NEWS
Associazione Professionale iscritta nell'elenco del Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) per il rilascio dell' attestato di qualità (legge 4/2013 sulle professioni non ordinistiche)
rss

News dalle Community of Practice

Dalla Comunità di Pratiche “Professionisti dello sviluppo organizzativo e della valutazione delle performance delle PPAA”

Seminario applicativo
NOVITA' E ORIENTAMENTI OPERATIVI SU LAVORO PUBBLICO E PERFORMANCE DOPO I DLGS 74 E 75 DEL 2017”

 
Le recenti novità introdotte con i decreti legislativi attuativi della cosiddetta riforma  Madia (Dlgs 74 e 75 – 2017) hanno previsto significative modifiche sia all'impianto del Dlgs 150/2009 sia al Dlgs 165/2001.

Cogliendo tale occasione gli esperti della Comunità di Pratiche APCO “Professionisti di Sviluppo Organizzativo e della Valutazione di Performance delle PPAA” hanno messo a punto un seminario dal taglio pratico ed operativo, finalizzato a dare orientamenti e soluzioni concrete agli addetti ai lavori ed agli interessati.

La proposta ha riscontrato notevole interesse sia tra gli operatori delle Pubbliche Amministrazioni sia tra i colleghi APCO interessati al tema.

Sono state programmate tre edizioni del seminario:

- Milano – 25 settembre 2017
- Abano Terme (PD) – 26 ottobre 2017
- Napoli – 15 novembre 2017

La Comunità di Pratiche negli ultimi tempi si è attivata anche in termini di rapporti istituzionali con il Dipartimento della Funzione Pubblica per far riconoscere i percorsi formativi realizzati in termini di crediti per gli iscritti all'Elenco Nazionale degli Organismi Indipendenti di Valutazione.

Inoltre, ha consentito la partecipazione di APCO, in cordata con l'Università ROMA3, al recente avviso per la promozione di progetti sperimentali e innovativi in materia di misurazione e valutazione della performance, emanato dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Bruno Susio – CMC
Consigliere APCO e Coordinatore Community of Practice 



ritorna alla newsletter ok

News dalle Delegazioni

L’attività delle Delegazioni è la linfa vitale per la diffusione della conoscenza delle nostre pratiche professionali e per lo sviluppo dell’Associazione.

Trasmettiamo il messaggio del Socio Giovanni Chiarello, neo nominato Coordinatore delle Delegazioni.


Carissimi Soci,

non posso che sentirmi onorato dell’incarico di Coordinatore delle Delegazioni Territoriali che mi è stato proposto, e desidero ringraziare la Presidente Cesara Pasini ed ogni singolo componente del Consiglio Direttivo per la fiducia in bianco che mi hanno accordato.

Pur consapevole del grande lavoro e dei momenti di intenso confronto che mi attendono, sono al contempo sicuro che, grazie all’insostituibile collaborazione e contributo di ogni Coordinatore di delegazione e di ogni socio coinvolto, potremo impostare un metodo di lavoro che ci porterà ad individuare ed attuare tutte le possibili sinergie, in grado di dare una vigorosa accelerata al piano di sviluppo della nostra Associazione e la visibilità territoriale e nazionale che merita. 

Come ben sapete, purtroppo anche APCO, come molte altre Associazioni, soffre di un trend negativo nel numero di iscritti, che bisogna assolutamente ed immediatamente invertire.

Commetteremmo, però, un errore imperdonabile se addossassimo esclusivamente tale decrescita a fattori esogeni e non governabili, perché questo significherebbe non attrezzarsi adeguatamente e per tempo degli anticorpi necessari a combattere questa grave forma di anemia associativa.

Reputo, invece, che sia fondamentale domandarsi se, all’origine della riduzione del numero di iscritti e di attrattività di potenziali nuovi Soci, non vi siano anche fattori interni e governabili, quali:

difficoltà di proporre strumenti innovativi per la crescita professionale e personale degli associati;
scarsa attrattività nei confronti di professionalità esterne;
scarsa visibilità dell’Associazione a livello di territori periferici;
asimmetrie informative tra Organi centrali e Delegazioni;
inadeguato valore percepito delle attività proposte;
eccessiva onerosità per Delegazioni e Soci di prendere parte attivamente alla vita sociale ed ai momenti di formazione e        qualificazione professionale.  

Occorrono, a mio modesto parere, azioni disruptive, che facciano magari abbandonare la nostra zona di confort, ma che consentano però di ridare prospettivamente alla nostra Associazione il prestigio ed il ruolo che merita: essere il luogo in cui “si creano e nascono” le buone pratiche della Consulenza di Management in Italia.   

Ritengo, pertanto, che APCO abbia urgente bisogno, oggi più che mai, di mettere in atto politiche in grado di garantire:

visibilità territoriale
vicinanza alle delegazioni ed ai soci
inclusività associativa
eccellenza ed avanguardia delle proposte formative
valore percepito dai Soci
anticipazione delle nuove frontiere della consulenza di management.

Oggi più che mai, un ruolo fondamentale è giocato  da un costante, veloce e ben strutturato scambio di informazioni e di idee e, per tale motivo, il mio operato si concentrerà su un modello di lavoro che tenderà a definire e privilegiare le modalità di comunicazione da/verso le Delegazioni e Consiglio Direttivo, a valorizzare le istanze provenienti dalle Delegazioni e la programmazione delle loro attività periodiche, a promuovere e stimolare lo scambio di best practice, la collaborazione tra delegazioni, l’allargamento della base associativa.

Sono, ovviamente, aperto ad ogni forma di integrazione e miglioramento del programma proposto e sempre disponibile ad ascoltare tutti i coordinatori, per concordare insieme ulteriori proposte.

Mi auspico vivamente, in tal senso, di poter contare costantemente sullo sprone di ognuno di voi per operare nel migliore dei modi.

Giovanni Chiarello - CMC
Vice Presidente e Coordinatore delle Delegazioni Territoriali APCO




ritorna alla newsletter ok

Il Constantinus International Award: un’opportunità per farsi conoscere a livello internazionale

CMC-Global (ICMCI) ha avviato dal 2011 il Constantinus International Award al fine di promuovere l'eccellenza nei servizi di Consulenza di Management in tutto il mondo.

Ogni anno il Constantinus International Award invita Consulenti di Management provenienti da tutto il mondo a presentare progetti con caratteristiche innovative e che abbiano creato un valore importante per il cliente.

Ogni associazione nazionale aderente a CMC-Global che intende partecipare, può nominare due giurati esperti internazionali nella Consulenza di Management. Tutti i progetti vengono valutati secondo criteri che prendono in considerazione prestazioni commerciali, forza strategica, qualità della consulenza/soluzione adottata, efficienza e internazionalità.

Le associazioni nazionali partecipanti sono invitate a nominare fino a tre progetti che considerano candidabili al premio. Vi sono nazioni dove i candidati sono i vincitori dei premi nazionali di Consulenza di Management, ed altre che non prevedono premi nazionali dove coloro che intendono candidarsi presentano il loro progetto all’associazione nazionale per la valutazione interna, che deciderà se il progetto sia candidabile al premio internazionale.

Generalmente tra Aprile e Giugno vengono ricevute le candidature, valutate quindi in Luglio da una specifica giuria internazionale, al fine di arrivare alla lista dei vincitori che saranno premiati nel corso della      CMC–Global International Conference in autunno, con il Constantinus Gold Medal per il vincitore e tre Constantinus Silver Medal per i migliori classificati.

Il settimo Constantinus International Award è stato assegnato il 5 settembre scorso ad Astana (Kazakhstan) ed è stato vinto (Gold Medal) dal collega giapponese Yutaka Fukuyama per un Progetto di "KAIZEN" presso l'Amministrazione della Prefettura di Tottori per l'Insegnamento delle Azioni di: - Miglioramento del lavoro – Revisione dei Flussi di lavoro e - Procedure di lavoro più importanti Streamlined, mentre le tre Silver Medal sono state assegnate a colleghi di Gran Bretagna, Iran ed Austria.

La prossima 8° edizione del Constantinus International Award sarà nel 2018, e la serata di premiazione si terrà in Italia ad Ottobre nell’ambito della International Conference CMC–Global a Milano dal 16 al 19 Ottobre, una motivazione in più per i Consulenti di Management Italiani per provare a candidarsi.

La documentazione per approfondire le procedure di partecipazione è consultabile direttamente sul sito CMC-Global https://www.cmc-global.org/content/constantinus-awards mentre informazioni per la candidatura nazionale possono essere richieste direttamente alla Segreteria APCO.

Claudio Barella – CMC
Vicepresidente APCO



ritorna alla newsletter ok

Benvenuto ai nuovi Soci APCO

Il Presidente, il Consiglio Direttivo e i Coordinatori di Delegazione si congratulano con Toni Brunello – CMC per la sua nomina a Socio Emerito CMC, avvenuta lo scorso aprile. Una brillante carriera che è fonte di ispirazione per tutti coloro che esercitano la professione di consulente di management, ponendosi ambiziosi traguardi di successo per i propri clienti. 

Diamo, inoltre, benvenuto ai nuovi Soci che sono entrati a far parte di APCO nel periodo luglio-settembre 2017. In tutto 21. Di seguito i loro nomi.

- Soci Qualificati CMC
- Stefania Garrone (Sicilia)
- Damiano Zornetta (Veneto)

- Soci Qualificati
- Marco Arcuri (Lazio)
- Paolo Ferrarese (Veneto)
- Mauro Sina (Veneto)

Soci Aderenti
- Luigi Baldini (Toscana)
- Claudio Bocchetti (Lazio)
- Alessandro Boni (Toscana)
- Alessandro Brunetti (Toscana)
- Giuseppe Careri (Emilia Romagna)
- Alfredo Fagotti (Toscana)
- Francesco Gerbino (Lazio)
- Massimo Giannozzi (Toscana)
- Carlotta Le Noci (Toscana)
- Priscilla Lezoche (Lazio)
- Luca Ludovico (Lombardia)
- Stefano Madile (Friuli Venezia-Giulia)
- Paolo Matteini (Toscana)
- Maurizio Potente (Lazio) 
- Bruno Stucchi (Toscana)
- Andrea Travaglini Sabbatini (Lombardia)




ritorna alla newsletter ok

Messaggio del Presidente

Desidero annunciare che il nostro Istituto è stato scelto dal Board of Directors di ICMCI, l’International Council of Management Consultants Institutes, per ospitare l’Annual Meeting of Delegates 2018 e la sesta edizione della CMC International Conference. Questa importante manifestazione internazionale, che si è tenuta lo scorso anno a Toronto (Canada) e quest’anno ad Astana (Kazakistan), si svolgerà nel 2018 a Milano dal 16 al 19 ottobre, anno in cui si celebrerà il 50° anniversario di APCO.

I rappresentanti dei cinquanta istituti membri di ICMCI si danno appuntamento ogni anno per trattare dei temi istituzionali della consulenza di management e promuovere lo scambio culturale e il networking professionale internazionale.

La CMC International Conference, concepita per essere l’evento mondiale sulla consulenza di management, è rivolta non solo ai rappresentanti degli Istituti che partecipano all’Annual Meeting, bensì al pubblico di tutte le parti interessate al nostro ambito professionale. Avrà luogo dal 18 al 19 ottobre 2018 con il titolo

“MAKING A SUSTAINABLE WORLD”
How creative thinking and disruptive innovation shape our future

Il contesto in cui ci troviamo ad operare è caratterizzato da sfide sempre più impegnative in cui la creatività e l’innovazione fanno da volano per la tenuta delle economie e per la conformazione di un futuro sostenibile. Su questi temi verterà il dibattito internazionale che animerà la CMC International Conference di Milano.

Per saperne di più consultare il sito di CMC-Global/ICMCI, dove è dato l’annuncio della manifestazione ed è possibile vedere il video promozionale e la presentazione effettuata ad Astana, al termine della CMC International Conference 2017, col passaggio dello stendardo ICMCI al nostro Paese:

https://www.cmc-global.org/content/2018-icmci-annual-meeting-delegates-cmc-international-conference-0

I colleghi stranieri hanno espresso grandi aspettative nei nostri confronti e questo mi dà lo spunto per invitarvi già da adesso ad inserire nelle vostre agende la CMC International Conference 2018 a Milano, un’occasione importante per far conoscere ancor più da vicino la consulenza di management ai nostri clienti e al nostro sistema di relazioni.

Cesara Pasini – CMC

Presidente APCO


ritorna alla newsletter ok

High Level Political Forum 2017 delle Nazionai Unite a New York

Ideato come piattaforma centrale delle Nazioni Unite per il monitoraggio dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, l’High Level Political Forum (HLPF) consente ogni anno ai Paesi membri di partecipare attivamente alla verifica dello stato di avanzamento degli SDGs (Sustainable Development Goals) declinati nelle strategie nazionali.

L’edizione 2017 svoltasi col patrocinio dell’ECOSOC (Economica md Social Council) ha avuto luogo a New York dal 10 al 19 luglio scorso, con tre giornate dedicate agli incontri ministeriali.

Dato il tema del Forum “Sradicare la povertà e promuovere la prosperità in un mondo che cambia” i lavori si sono concentrati sulla revisione approfondita dei Goal corrispondenti, incluso il Goal 17 – Rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile - che viene rivisto ogni anno. Questi gli obiettivi analizzati:

· Goal 1 - Porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo

· Goal 2 - Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura         sostenibile

· Goal 3 - Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età

· Goal 5 - Goal 5: Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze

· Goal 9 - Costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile

· Goal 14 - Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile

Nel paragrafo 84 dell’Agenda 2030, gli Stati membri hanno sancito che l’HLPF ha l’obiettivo di realizzare la regolare revisione volontaria degli SDGs sia da parte dei Paesi sviluppati sia di quelli in via di sviluppo, insieme alle agenzie specializzate delle Nazioni Unite e ai più rilevanti stakeholder. Ciascuna review è condotta da uno dei Paesi membri e prevede la partecipazione sia ministeriale, sia dei soggetti rilevanti. Questo approccio offre dunque una piattaforma per lo sviluppo delle partnership tra gli stakeholder coinvolti.

Nell’edizione 2017 sono state presentate 43 revisioni nazionali volontarie, con la partecipazione di 77 tra ministri e diplomatici e con circa 2.500 rappresentanti degli stakeholder.

La sessione ministeriale dell’High Level Political Forum italiana si è svolta martedì 18 luglio, con gli interventi del ministro Gian Luca Galletti, del diplomatico Luca Maestripieri e del portavoce dell’ASviS Enrico Giovannini. 

Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha esposto la Voluntary national review dell’Italia, sottolineando che le sfide sempre più complesse che il Paese e il mondo si trovano ad affrontare sono superabili soltanto se si adotta una visione sostenibile di sviluppo e di futuro: “La Strategia nazionale di sviluppo sostenibile ce ne offre una chiara integrata, puntuale, condivisa da molti e condivisibile ancora da molti altri. Inoltre assegna a ciascuno di noi, istituzioni e società civile, un ruolo importante nel lungo percorso di attuazione segnandone le tappe principali”. È poi intervenuto Luca Maestripieri, vicedirettore generale e direttore centrale per le questioni generali e di indirizzo della cooperazione allo sviluppo alla Farnesina, sottolineando l’impegno italiano verso l’estero per il raggiungimento degli Obiettivi dell’Agenda 2030.

Il portavoce dell’ASviS Enrico Giovannini, intervenuto in rappresentanza della società civile, ha esposto, anche con alcune slide in inglese, il ruolo dell’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile nel portare avanti l’Agenda 2030 in Italia e le realizzazioni ottenute in poco più di un anno di lavoro: “L’impegno che stiamo mettendo per portare insieme oltre 170 organizzazioni della società civile è notevole, ma è incredibile anche il sostegno che siamo ricevendo”. Nel suo intervento, il portavoce ha ricordato il successo del Festival dello sviluppo sostenibile, cui APCO ha contribuito attivamente il 30 maggio scorso con un’intera giornata dal tema “Sostenibilità, Etica, Innovazione e Lavoro”.  


ritorna alla newsletter ok

Lo Statuto del Lavoro Autonomo

LO STATUTO DEL LAVORO AUTONOMO; IMPORTANTI NOVITA’IN TEMA DI TUTELE E DI SOSTEGNO ALLA ATTIVITA’

La legge 81 del 22.05.2017 è entrata in vigore il giorno seguente alla  pubblicazione in Gazzetta Ufficiale avvenuta il 13 giugno 2017 n.ro 135. Il primo disegno di legge risale all’anno 2014 , ha attraversato un acceso dibattito parlamentare ed infine la legge è stata promulgata quale completamento del jobs act per i lavoratori dipendenti e per dare un nuovo impulso alle attività professionali tutte, sia ordinistiche che disciplinate dalla L. 4/2013.

Le legge si compone di due Capi. Il primo intitolato “Della tutela del lavoro autonomo” ed il secondo intitolato “Lavoro agile”.

Le novità contenute nei 17 articoli che compongono il Capo primo possono distinguersi in novità in materia di tutele contrattuali, di reddito di lavoro autonomo e  di welfare.

Di seguito quelle di maggiore rilevanza.
· Estensione al lavoro autonomo della normativa contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali. Art 2
· Disciplina sanzionatoria delle clausole e delle condotte abusive. Art 3
· Attribuzione al lavoratore autonomo dei diritti di utilizzazione economica relative alle invenzioni realizzate nella esecuzione del   rapporto -. Art. 4
· Delega al governo per la adozione di decreti legislativi che rimettano atti pubblici alle professioni organizzate in ordini e collegi   Art 5
· Accesso per i  professionisti ai fondi europei ed agli appalti pubblici e privati in forme aggregate in particolare con l’estensione   della previsione della costituzione di reti di imprese tra professionisti o tra questi e le imprese. Art 12   
· Modifica alle spese prepagate per vitto e alloggio nel reddito di lavoro autonomo . Art. 8 co 1 e 2 
· Nuovi criteri di deducibilità delle spese di formazione e di aggiornamento professionale oltrechè di quelle per la certificazione     delle competenze e per le assicurazioni stipulate contro il rischio dei mancati pagamenti. Art 9 co 1 e 8 co 2
· Ampliamento delle prestazioni per congedo parentale,  malattia e maternità per gli iscritti alla gestione separata Art 8 co 4-10-   Art 13
· Mantenimento del rapporto di lavoro in caso di gravidanza, malattia, infortunio, sostituzione delle lavoratici in maternità. Art       14 co 1 e 2
· Delega in materia di sicurezza e protezione sociale dei professionisti ordinisti da assegnarsi alle Casse di previdenza. Art 6 co 1
· Sportelli dedicati al lavoro autonomo pressoi Centri per l’impiego. Art 10
· Modifica della disciplina delle collaborazioni coordinate e continuative . Art 15   

Saranno le prime prassi applicative a verificare la tenuta della normativa ed i suoi effettivi benefici

Bologna 26 luglio 2017                                                                               Avv. Nicoletta Grassi 


ritorna alla newsletter ok

Lancio dello Standard ISO 20700 per i Servizi di Consulenza di Management

È stata pubblicata lo scorso 1° giugno la nuova norma ISO 20700 - Guidelines for management consultancy services (Linee guida per i servizi di consulenza di management), al termine del progetto di sviluppo durato tre anni che è stato guidato da CMC-Global, l’International Council of Management Institutes di cui APCO è membro dal 1987.

Con il contributo fornito da 42 Paesi, l’ISO 20700 vuole essere una guida per la contrattualizzazione, l’esecuzione e la valutazione dei servizi di consulenza.

“Questo nuovo standard ISO è un importante complemento al CMC, la certificazione internazionale per i consulenti di management. Aumentando l’efficacia del management consulting, l’ISO 20700 imprimerà un’accelerazione allo sviluppo della professione e livello globale”, ha dichiarato Sorin Caian - CMC, Chairman di CMC-Global.

“La trasparenza è uno dei fondamenti delle best practice della consulenza. L’ISO 20700 offre ai consulenti e ai clienti un framework condiviso per ottenere risultati migliori dai servii di consulenza”, secondo Robert Bodenstein - CMC, Vice Chairman di CMC-Global e Project Lead di ISO 20700.

La consulenza di management gioca un ruolo potente nei vari contesti di business e governativi del mondo, influenzando le decisioni e gli investimenti. I clienti hanno aspettative sempre crescenti dai loro consulenti, imponendo stringenti requisiti di innovazione, efficienza e comportamento etico, richiedendo anche maggiori evidenze dei benefici. 

Ideata sia per i consulenti sia per i loro clienti, la ISO 20700 si basa sulle buone pratiche del settore della consulenza di management del mondo e include delle raccomandazioni per migliorare la specifica, l’esecuzione, l’accettazione e la chiusura dei servizi di consulenza di management.

Lo standard aiuta i consulenti e i loro clienti a migliorare la trasparenza e la comprensione nei loro progetti di consulenza per raggiungere migliori risultati. Focalizzandosi su ciò che viene consegnato al cliente come risultato dell’attività di consulenza, l’ISO 20700 incoraggia i consulenti ad utilizzare propri metodi e approcci per mantenere la loro differenziazione.

Formuliamo uno speciale ringraziamento al collega Claudio Barella, Delegato italiano presso CMC-Global, per il contributo di conoscenza ed esperienza apportato al team CMC-Global che ha curato il coordinamento del progetto in questi anni ed estendiamo il nostro ringraziamento Past Presidente Internazionale di CMC-Global Francesco D’Aprile per il supporto di incoraggiamento e di networking che ha dato al gruppo di lavoro internazionale.

Maggiori informazioni su www.cmc-global.org/content/iso-20700-guidelines-management-consultancy-services-0



ritorna alla newsletter ok

Tutela sanitaria, diaria malattia e assistenza legale

Ricordiamo che con l'inizio del 2017 APCO ha sottoscritto con la Società nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo una importante convenzione per fornire piani sanitari con condizioni di estremo favore a tutti coloro che sono iscritti ad APCO i cui dettagli, documenti e modalità di attivazione sono presenti in Convenzione APCO - Società Nazionale di mutuo soccorso Cesare Pozzo

Per chi sottoscrive uno di questi piani sanitari entro il 30/04/2017, sarà attivato, senza costi aggiuntivi, anche uno speciale piano sanitario chiamato MALATTIA APCO, con diarie giornaliere in caso di malattia.

Inoltre: i contributi associativi sono fiscalmente agevolati e possono essere portati in detrazione per il 19% e a tutti gli iscritti viene attivata in modo automatico e gratuito la Tutela Professionale, un piano di assistenza legale davvero importante per il lavoratore autonomo libero professionista.


ritorna alla newsletter ok

Philip Kotler a Milano

Apco ha sottoscritto una convenzione con gli organizzatori dell'evento "Philip Kotler Marketing Forum 2017" previsto per il 6-7 ottobre (http://www.pkmf-italy.com/ ).

I soci Apco che intendessero partecipare possono prenotare presso la Segreteria Apco che, per l'acquisto dei biglietti di accesso a pacchetti di 10, farà loro fruire dello sconto del 10%.


ritorna alla newsletter ok
 
 
aderisci 01
 
Bacheca 01
 
giroscopio 01
 
sportello 01
 
delegazioni 01
 
newsletter 01
 
documenti 01
 
galeria video 01
 
Eventi Online 01
 
  assochange nuovo logo  Cesare Pozzo grenoble1   harvard   Altre nostre partnership
 




APCO - Associazione Professionale Italiana dei Consulenti di Management
Corso Venezia, 49 - Ingresso dal civico n° 45 - 20121 Milano - Italy
Tel. +39 02 7750449 - Fax + 39 02 7750480 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
P.iva 13029740159